Come calcolare la distanza dei faretti a LED

By 17 Aprile 2019News

COME CALCOLARE LA DISTANZA DEI FARETTI A LED

Ti stai chiedendo come calcolare la distanza dei faretti a LED per illuminare correttamente gli ambienti? Consulta questa guida!

 

distanza faretti led

UN TREND SEMPRE PIU’ DIFFUSO

L’installazione di faretti ad incasso è un sistema che negli ultimi anni sta riscuotendo molto successo.
Oggetti di light design come questi sono sempre molto di moda, e inoltre i faretti permettono di illuminare ogni tipo di ambiente in modo elegante e funzionale.

Per ottenere il risultato perfetto, e avere in ciascuno dei nostri ambienti domestici la giusta illuminazione, è bene calcolare tre fattori importanti:

– il numero dei faretti
– la giusta distanza fra i vari corpi illuminanti
– la distanza dei faretti dalla parete del muro.

Ma niente paura, sarà un gioco da ragazzi!

DISTANZA FARETTI LED: LE GRANDEZZE IN GIOCO (WATT, LUX, LUMEN)

Prima di iniziare il nostro calcolo della quantità di LED e la distanza fra loro, è bene ricordarci quali sono i parametri che definiranno se il nostro ambiente è illuminato correttamente o meno.

Sebbene siamo abituati a pensare all’illuminazione in termini di watt, troveremo anche altre due grandezze associate alla luce:

– il lumen, che misura la quantità di luce proveniente dalla sorgente (ovvero dalla nostra lampada)
– il lux che è una grandezza relativa all’area illuminata dalla sorgente.

Iniziamo vedendo come comportarci all’interno dei vari ambienti domestici: non avremo bisogno della stessa quantità di luce in ogni stanza, ma in base alle esigenze e alle dimensioni dei vari locali, calcoleremo la quantità di LED e la distanza fra di loro.

In linea di massima per illuminare correttamente gli ambienti di passaggio come ingresso e disimpegno sono sufficienti 7 watt a metro quadro, mentre per le zone living, e le camere da letto avremo bisogno fino a 30 watt a metro quadro per ottenere un buon risultato luminoso.

Ma non è tutto: dobbiamo anche tenere conto dei lumen che le varie lampade producono e dei lux che vogliamo ottenere.

Nelle zone living e nelle stanze da letto avremo bisogno di un’intensità luminosa che va dai 25 ai 50 lux, fino ad una intensità di 100-150 lux se desideriamo una luce più decisa.

distanza faretti led camera letto

Distanza corretta dei faretti a LED in una camera da letto (esempio).

Considerando che ogni faretto a LED produce dai 100 ai 400 lumen in base alle specifiche tecniche, potremo facilmente fare il calcolo.

Come faccio a calcolare quanti LED installare?

Dividendo l’intensità luminosa consigliata per ogni ambiente con l’illuminazione prodotta dal nostro singolo faretto ad incasso (tutto in lux), otterremo il numero di elementi necessari per illuminare correttamente la nostra stanza.

Una volta stabilito il numero di LED, adesso dobbiamo individuare la giusta distanza fra gli elementi luminosi, e a che distanza porli dal muro.

COME CALCOLARE LA DISTANZA DEI LED

Una volta stabilita la quantità di faretti a LED necessari per la corretta illuminazione della stanza, la prima cosa da fare è disegnare uno schema d’illuminazione.
In particolare, è meglio partire con i LED angolari/perimetrali, per poi “riempire” il contesto.
In questo modo potremo decidere il light design dei nostri faretti a LED ad incasso.

Lo schema è pronto?
Iniziamo:

1 – DALLO SCHEMA ALLA DISPOSIZIONE PROVVISORIA

Una volta pronto questo schema, iniziamo con la disposizione provvisoria dei faretti a LED.

Ricordatevi che si inizia sempre posizionando i faretti a LED più vicini ai muri, che serviranno poi da guida per collocare gli altri faretti a LED alla giusta distanza.

2 – I LED PIU’ VICINI AI MURI AD ALMENO UN METRO

Una buona regola è quella di mettere i LED che si trovano vicini ai muri ad una distanza di almeno 1 metro, in modo tale da evitare la formazione di coni di luce sulle pareti perimetrali.

3 – DAI LED ANGOLARI AGLI ALTRI CORPI ILLUMINANTI

Sistemati provvisoriamente i quattro faretti a LED angolari, possiamo passare a definire la distanza degli altri corpi illuminanti.

Ipotizziamo di voler installare dei LED con angolo di illuminazione del fascio luminoso di 30 gradi: la giusta distanza fra i vari corpi illuminanti per far sì di non avere zone d’ombra è sempre di circa 1 metro.

 

Questa distanza può variare a seconda del fascio luminoso dei faretti a LED, e dall’effetto che vogliamo ottenere.

Stabilite le dimensioni ottimali di distanza tra i faretti, vediamo nello specifico come ottenere una corretta illuminazione nei vari ambienti dell’abitazione.

CALCOLARE LA DISTANZA DEI LED IN CUCINA

La cucina è un ambiente che molto spesso non viene illuminato in maniera adeguata.

Eppure in questa parte della casa è particolarmente importante aver bisogno della giusta illuminazione, soprattutto sul piano di lavoro.

Il calcolo delle distanze fra i LED tra di loro e degli stessi rispetto al muro potrà seguire le linee guida (almeno 1 metro dal muro e almeno 1 metro fra di loro), ma con l’accortezza di predisporre una corretta illuminazione delle zone funzionali della cucina.

distanza faretti led cucina

Nello specifico, dovremo sicuramente prevedere una luce diretta che serva a creare un fascio di luce netto sul nostro piano di lavoro.
Tutto ciò, sia se ci troviamo nella condizione di avere dei pensili a muro e quindi prevedendo una striscia LED al di sotto, sia se siamo in presenza di una cucina ad isola, e quindi tutta l’illuminazione del piano di lavoro sarà assolta dai faretti a soffitto.

Possiamo in questo caso “giocare” con una serie di faretti a LED di dimensioni maggiori, proprio per garantire una corretta illuminazione del piano di lavoro, senza alterare il disegno illuminotecnico dell’ambiente.

Attenzione a non dimenticarsi del resto della stanza, che a differenza del piano di lavoro illumineremo con una luce diffusa, è meno diretta.

LA CORRETTA DISTANZA DEI LED IN SOGGIORNO

Nell’illuminazione del soggiorno potremo inserire tutta una serie di LED  posizionati in modo tale da creare effetti di luce su particolari elementi che vogliamo mettere in risalto.

Ad esempio, se ci troviamo in un salotto con elementi architettonici da far emergere, una corretta disposizione dei faretti creerà un sicuro effetto scenico sugli angoli di luce di questi elementi.
Altrimenti, possiamo utilizzarli per illuminare dei dettagli specifici dell’arredo “sottostante”.

DISTANZA DEI LED NEL SEMINTERRATO

Come dobbiamo comportarci quando ci troviamo a calcolare la distanza dei LED in un seminterrato?

Niente paura, non ci sono grandi differenze rispetto agli altri ambienti dell’abitazione. Dobbiamo tenere presente che, non potendo avere alcun tipo di apporto luminoso naturale, le luci a soffitto dovranno rendere l’ambiente luminoso e accogliente ma senza esagerare. L’effetto riverbero luminoso è sempre da evitare, anche in un seminterrato.

L’unica variabile rispetto agli altri ambienti potrebbe essere l’altezza del soffitto, che solitamente in questi ambienti è inferiore rispetto ai locali fuori terra.
Dovremo fare quindi attenzione a non creare, con il nostro controsoffitto, un ambiente che sia troppo opprimente.

In questo caso dovremo avere un maggiore spazio fra i vari corpi illuminanti, poiché l’altezza del soffitto è inferiore, oltre a controllare il giusto numero di faretti da installare e la loro potenza.

Potremo prevedere anche di installarli seguendo un disegno geometrico che metta in risalto la stanza, o anche prevedere dei faretti a LED ad incasso in prossimità dei muri perimetrali, per dare maggiore slancio alla stanza.

Non dimentichiamoci che con le luci possiamo correggere quei “piccoli difetti” che possiamo incontrare all’interno del nostro ambiente. Se la stanza nel seminterrato è troppo stretta e lunga, prevedendo un disegno dei faretti a LED a incasso con linee orizzontali cercheremo di “allargare” la stanza.